“Oscar” Cioccolato Italiano

Amedei vince per il latte classico e per i cioccolati ripieni, Slitti per il latte ad alta percentuale di cacao, Gobino per il gianduja e per la proposta più innovativa, De Bondt per gli speziati. Domori si impone nelle origini e nel blend di fondente, a Rizzati i canditi ricoperti, Maglio per gli snacks al cioccolato. Ai F.lli Gardini un riconoscimento per i cioccolati con prodotti del territorio e a T’a Sentimento Italiano il premio speciale per gli emergenti.
Miglior cioccolato 2010 il Chuao di Domori

A Bologna, martedì 20 aprile 2010, al termine dell’incontro tra i panel di degustatori ufficiali di Compagnia del Cioccolato sono stati annunciati i “Premi Tavoletta d’Oro per il 2010”
La Compagnia del Cioccolato è attiva da 15 anni vanta più di 1000 associati con una composizione che va dagli amanti del “cibo degli dei” a degustatori professionali, giornalisti del settore, esperti a vario titolo del food e raffinati gourmet. . La Compagnia, sempre attenta alle problematiche legate al cioccolato di qualità, vuole con questi Premi fornire un’analisi completa dei cioccolati in vendita in Italia e un orientamento per i suoi soci e per tutti i consumatori.
L’Associazione, che non ha fini di lucro, si propone di fornire un giudizio totalmente indipendente ed esclusivamente legato a criteri qualitativi. Le sei commissioni di degustazione, costituite da esperti degustatori, si sono ritrovate in una prima occasione a Torino, Bologna, Genova, Bergamo, Cesena e Trento per una pre-selezione. In questa prima fase sono stati assaggiati più di settecento tra cioccolati in tavoletta e altri prodotti al cioccolato, (dragées, creme spalmabili, canditi ricoperti ecc)
La valutazione è stata espressa in centesimi secondo la scheda organolettica elaborata durante i corsi per Chocolate Taster organizzati dalla Compagnia del Cioccolato ed in uso nelle degustazioni organizzate dall’Associazione. Nelle selezioni successive i cioccolati sono stati resi anonimi e riassaggiati da una diversa commissione per superare l’esame più difficile ed entrare nella rosa dei finalisti.
L’obiettivo di questo lavoro è stato quello di arrivare ad una grande panoramica qualitativa sui cioccolati in tavoletta offerti in Italia nei vari canali distributivi senza condizionamenti di alcun tipo.
I cioccolati che hanno superato gli 85 centesimi sono arrivati in finale e nella loro complessità rappresentano l’eccellenza del cioccolato italiano. Tra questi, fatti oggetto di una nuova degustazione, sono state assegnate le Tavolette d’Oro per l’anno 2010.
Per i cioccolati al latte è risultato vincitore Amedei al latte 32% Tavoletta d’oro 2010 e per il latte ad alta percentuale di cacao Slitti lattenero 51% Tavoletta d’oro 2010, per la categoria fondente ha vinto Domori Blend 70% Tavoletta d’oro 2010, tra i cioccolati d’origine Domori Chuao 70% Tavoletta d’oro 2010 , per la Gianduja la Tavoletta d’oro 2010 è andata a Guido Gobino per la sua produzione e specificamente per il suo Giandujone al taglio 40% di nocciole, nella categoria aromatizzati e speziati il vincitore è De Bondt alla Rosa Tavoletta d’oro 2010
Quest’anno si è deciso di assegnare il Premio Tavoletta d’oro-Cioccolato italiano dell’anno al Chuao di Domori e il Premio Compagnia del Cioccolato-Emergenti 2010 a T’a Sentimento Italiano.
Le menzioni speciali sono state assegnate per il prodotto più innovativo a HAZELSHOCK di Gobino, a Rizzati per i canditi al cioccolato, all’Artigiano dei F.lli Gardini per il lavoro con i prodotti del territorio, a Maglio per gli snacks al cioccolato, a Amedei per i Quadrotti Toscani ripieni.
Per la categoria Creme spalmabili, alle quali è stata dedicato un evento di degustazione speciale, sono state raccomandate cinque differenti creme dei F.lli Gardini, Bessone, Giraudi, Novi, Slitti.